Presentazione del Podcast Atlas Obscura

Incuneata all’interno del confine tra Francia e Spagna è un’isola di due acri senza alcun segno di interferenza umana, tranne che per un monumento bianco inscritto nel mezzo. Può sembrare niente di speciale, ma questa piccola macchia di terra è in realtà sede di secoli di storia—e una delle irregolarità di confine più uniche al mondo.

L’isola dei Fagiani, situata al centro del fiume Bidasoa, è conosciuta come un “condominio”, un territorio appartenente a due nazioni separate allo stesso tempo. Ogni sei mesi, rappresentanti di Francia e Spagna si incontrano sull’isola dei fagiani per scambiare documenti ufficiali, consegnando la sovranità dell’isola da un paese all’altro.

Non solo Pheasant Island è il condominio più duraturo del mondo, ma è anche l’unico ad alternare la sovranità tra i due paesi durante tutto l’anno, al contrario dei condomini come l’Antartide, dove i paesi condividono la sovranità sulla terra contemporaneamente. Anche se l’isola fluviale si trova a poche decine di metri al largo della costa di ogni paese, i visitatori sono vietati.

Questo strano enigma di sovranità semestrale è il risultato di oltre 400 anni di storia. Quando la guerra dei Trent’anni terminò ufficialmente nel 1648, la violenza e l’interferenza politica tra Francia e Spagna continuarono fino al 1659, quando fu firmato il Trattato dei Pirenei. Avendo bisogno di una posizione neutrale e simbolica per firmare il trattato, Francia e Spagna scelsero l’isola dei fagiani, situata direttamente tra i territori dei due paesi. I funzionari di entrambi i paesi hanno poi modificato il Trattato dei Pirenei per garantire che l’isola venisse scambiata da un paese all’altro ogni sei mesi, simboleggiando la pace e l’uguaglianza.

Da quel giorno in poi, la piccola isola divenne l’ultimo terreno comune neutrale tra i due paesi, servendo come frequente luogo di incontro tra i re francesi e le loro spose spagnole (e viceversa). Dal 1659, Pheasant Island è stata passata avanti e indietro tra Francia e Spagna oltre 700 volte, e fino ad oggi rimane un potente, anche se bizzarro, simbolo di pace e neutralità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.