Peronospora delle Rose

Figure3Da Madalyn Shires, Estensione Graduate Student presso il Dipartimento di Patologia Vegetale e Microbiologia

Kevin Ong, il Professore e l’Estensione Impianto Patologo*

Peronospora può influenzare le rose in giardino,ma è un problema soprattutto per le rose coltivate in serre e campi di rose. La malattia distrugge le piante in tutto il mondo ed è costosa per i coltivatori. Sebbene molte specie causino peronospora, ognuna ha una gamma di ospiti ristretta. Ad esempio, la specie che produce la malattia sulle rose non infetta altre piante.

Causa

Peronospora sparsa, un oomicete (un organismo simile a un fungo più strettamente correlato alle alghe che ai funghi), causa la malattia. Altri patogeni ben noti nella famiglia degli oomiceti sono Phytophthora infestans (peronospora della patata) e Phytophthora ramorum (morte improvvisa della quercia). Il clima fresco con temperature inferiori a 80 ° F e umidità relativa dell ‘ 85% o più favorisce lo sviluppo della malattia.

Figure1

Sintomi

I sintomi iniziali includono piccole macchie irregolari di colore da rosso violaceo a marrone scuro sulla superficie superiore della foglia (Fig. 1). Man mano che le lesioni si allargano, le vene delle foglie limitano la loro crescita, dando alle macchie un aspetto angolare. Man mano che le lesioni si ingrandiscono, si verificano più danni alle foglie e, alla fine, le foglie cadono.

Poiché le cultivar di rosa sono così diverse, esiste una vasta gamma di sintomi della malattia. Le aree da viola a nere sono più comuni sulle foglie di nuova crescita, ma possono anche apparire su steli, peduncoli (un gambo che supporta un fiore o un frutto) e petali di fiori (Fig. 2). Le punte morte possono svilupparsi su una nuova crescita (Fig. 3). Poiché l’infezione è sistemica (si diffonde in tutta la pianta), può passare inosservata. Ma in condizioni ambientali favorevoli, i sintomi possono apparire improvvisamente, insieme a una rapida defogliazione.

Figure2

Figure3

Movimento della malattia

Controllare le superfici fogliari inferiori per i segni di una crescita fungina da biancastra a grigiastra (il micelio) sotto le aree sintomatiche delle foglie superiori. Questa crescita non è la stessa del micelio nelle infezioni da oidio che appare sulla superficie superiore della foglia. Da questa crescita dall’aspetto lanuginoso, P. sparsa produce spore o” semi ” in numero enorme per diffondere la malattia (Fig. 4). La specie prende il nome di “sparsa” a causa della sua scarsa crescita e produzione di spore in condizioni meno che ideali, rispetto ad altre muffe lanuginose. L’agente patogeno produce zoospore che hanno flagelli che usano per “nuotare” verso i siti di infezione ideali. Ecco perché le superfici delle piante umide rendono la malattia molto più prevalente. Il fungo sverna in o su parti di piante come micelio vegetativo o in detriti vegetali caduti come Oospore resistenti.

Figure4

Controllo

La prevenzione è la misura di controllo più efficace per la malattia. Altre misure di controllo sono:

  • Piantare cultivar resistenti come le rose nella famiglia Rugosa.
  • Scegliere le piante adatte al clima.
  • Spaziatura adeguata delle piante per favorire la circolazione dell’aria e consentire alle piante bagnate di asciugarsi rapidamente.

Utilizzare pratiche culturali che aiutano a prevenire la malattia:

  • Poiché il rilascio di spore e il movimento si verificano comunemente al mattino, l’acqua nel tardo pomeriggio per ridurre l’insorgenza della malattia.
  • Piante acquatiche alla base per ridurre al minimo la bagnatura del fogliame.

L’igiene è fondamentale per la gestione delle malattie:

  • Rimuovere i detriti vegetali.
  • Potare le piante per mantenerle aerate.
  • Rimuovi le piante infette non appena le scopri poiché il patogeno può riprodursi più volte a stagione, causando potenzialmente un’epidemia devastante.
  • Utilizzare fungicidi come misura preventiva. Usare sempre cautela quando si applicano controlli chimici.

Fonti

Beckerman, Janna. 2009. Peronospora. Estensione di Purdue, serie di malattie delle piante del paesaggio, BP-68-W. https://www.extension.purdue.edu/extmedia/bp/bp-68-w.pdf

Fry, William E. e Niklaus J. Grünwald. 2010.”Introduzione agli oomiceti.”L’istruttore fitosanitario. DOI: 10.1094 / PHI-I-2010-1207-01

Hammond, Gaye. Il Low-Down sulla peronospora.Houston Rose Società. http://www.houstonrose.org/mo041707.htm

Horst, Kenneth e R. Cloyd. 2007. Compendio di malattie e parassiti rosa, 2 ° ed. L’American Phytopathological Society, 16-18.

Wyckoff, Jeff. Peronospora. American Rose Society.

Scarica una versione stampabile di questa pubblicazione: Peronospora delle rose (pdf)

Visualizza altro Giardinaggio & Informazioni paesaggistiche “

Hai una domanda o hai bisogno di contattare un esperto?

Contatta il tuo ufficio della contea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.