Oscar Handlin

Oscar Handlin è nato il settembre. 29, 1915, a Brooklyn, New York City, figlio di immigrati ebrei russi. Suo padre era coinvolto nella gestione di un negozio di alimentari, una lavanderia a vapore, e immobiliare. Handlin decise di diventare uno storico all’età di otto anni e iniziò a leggere avidamente, anche consegnando generi alimentari per suo padre. Si è laureato al Brooklyn College nel 1934 dopo soli tre anni, vincendo il premio Union League History; un anno dopo, ha conseguito il master presso l’Università di Harvard. Egli aveva inteso studiare storia medievale, ma specializzato in storia Americana, perché ha pensato che la persona che ha studiato con era più importante il campo stesso; medievalista era ritirato, così Handlin ha scritto la sua tesi di dottorato per l’Arthur M. Schlesinger, Sr. Handlin insegnato presso il Brooklyn College dal 1936-1938, durante il quale si sposò con Maria Flug, e iniziò la sua lunga carriera, l’Università di Harvard, facoltà nel 1939.

La tesi di Handlin fu pubblicata nel 1941 come Boston Immigrants, 1790-1865: A Study in Acculturation. Il libro è stato molto apprezzato per la sua ricerca innovativa che coinvolge concetti sociologici, dati del censimento, e la stampa immigrant precedentemente non sfruttato; nel 1941, il libro ha vinto il prestigioso Dunning Prize dalla American Historical Association per essere il lavoro storico eccezionale pubblicato da un giovane studioso quell’anno. Il libro ha esaminato l’immigrazione dal punto di vista del migrante irlandese e ha sottolineato l’alto costo psichico della dislocazione sociale transatlantica.

Handlin fu uno scrittore prolifico per tutta la sua carriera. Nel 1947, nella prima di diverse collaborazioni con Mary Flug, Handlin pubblicò uno studio sul ruolo svolto dal governo nello sviluppo dell’economia nei primi anni del Massachusetts. Due anni dopo pubblicò un’antologia di scritti di visitatori europei negli Stati Uniti e, poco dopo, The Uproted (1951). Questo lavoro è stato premiato con un premio Pulitzer e ha aggiunto notevolmente alla reputazione di Handlin. Apertura con le ormai famose righe: “Una volta ho pensato di scrivere una storia degli immigrati in America. Poi ho scoperto che gli immigrati erano storia americana”. Il lavoro ha considerato la natura e le conseguenze dell’alienazione vissuta dagli oltre 30 milioni di immigrati che erano venuti in America dal 1820, considerati dal loro punto di vista. Oltre alle fonti tradizionali, Handlin ha basato il suo lavoro sul folklore, romanzi e giornali, ma il lavoro è stato criticato da studiosi che amano le note a piè di pagina. Handlin fornito nessuno, una pratica ha continuato in altre opere scritte per il grande pubblico. Tuttavia, è diventato il suo libro più famoso.

Nel 1954, anno in cui divenne professore ordinario all’università di Harvard, Handlin stato capo redattore della Harvard Guida alla Storia Americana, che è stato rapidamente riconosciuto come “uno dei più autorevoli strumenti bibliografici nel campo della storia Americana”; lo stesso anno, ha pubblicato una storia di American gruppi etnici (Il Popolo Americano nel Xx Secolo, tracciando la storia del pensiero razzista nei primi anni del 1900, e la storia degli Ebrei in America, (Avventura in Libertà: Trecento anni di vita ebraica in America), che tra le altre cose ha dimostrato elementi di antisemitismo nei primi anni del 1900 movimento populista.

In Chance or Destiny (1955), Handlin sostiene che la storia è “una linea composta da una successione di punti, con ogni punto un punto di svolta.”In Truth in History and The Distortionof American, rispondendo alle turbolenze politiche e intellettuali degli anni ’60 e ’70, Handlin espresse disapprovazione per i Nuovi storici di sinistra, che vedeva come partigiani, e di faddishness accademico, assunzione di quote, sovra-specializzazione e frammentazione in tutti i campi della storia, e carenze nella formazione dei laureati. Handlin era fortemente anti-comunista ed era critico nei confronti di coloro che si opponevano alla guerra in Vietnam.

Alla fine del 1950 Handlin stava pubblicando un libro quasi ogni anno, con opere nei campi dei diritti civili, libertà, etnia, storia urbana, storia dell’educazione, affari esteri, migrazione, biografia, adolescenza persino un libro di poesia. A volte, ha scritto in collaborazione con Mary Flug Handlin e, dopo la sua morte nel 1976 e il suo secondo matrimonio un anno dopo, con Lilian Handlin. Nel 1960, Handlin ha prodotto 11 libri, ha scritto una rubrica mensile libro per L’Atlantic Monthly,, diretto il Centro per lo studio della libertà in America, ha contribuito a gestire una stazione televisiva commerciale a Boston, presieduto un consiglio che ha supervisionato Fulbright borse di studio tutto questo in aggiunta ai suoi compiti di insegnamento regolari ad Harvard. Dal 1979 al 1983 è stato direttore della biblioteca universitaria.

Nel 1960, Handlin ha scritto otto libri, tra cui il controverso Fire Bell in the Night: La crisi dei diritti civili in cui ha criticato separatisti, segregazionisti e liberali suburbani, ma ha anche disapprovato le quote, lo scuolabus e l’azione affermativa, dicendo: “Il trattamento preferenziale richiede una partenza dall’ideale che giudica gli individui dai propri meriti piuttosto che dalle loro affiliazioni.”Ha anche curato una raccolta di 42 volumi di libri su argomenti relativi all’immigrazione e all’etnia, The American Immigration Collection (1969). Durante i successivi tre decenni, Handlin scrisse altri 12 libri, molti sul tema della libertà, e curò almeno 20 biografie.

Handlin è stato premiato nel 1979 con un libro di diversi ex studenti, Uproted American: Essays to Honor Oscar Handlin, che è stato elogiato per la sua maestria e per la testimonianza che ha fornito della sua influenza sulla professione storica. Tuttavia, non esiste una “Handlin school of history”, né ha cercato di formarne una. Probabilmente sarà ricordato soprattutto per le sue abbondanti dimostrazioni dell’importanza dell’immigrazione e del suo ruolo nella storia degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.