Assigned Pages

Oeconomicus di Xenophon (“Dialogue on Household Management”)

READ ONLY BOOK-PAGES (cioè, come stampato in cima alla pagina stessa) 73-114, 145-147.

Cioè, salta la parte dedicata all’agricoltura.

Clicca qui per il pdf a:

Xenophon. “Oeconomicus, sulla gestione di una fattoria e di una famiglia.” Trans. J. S. Watson. Le opere minori di Senofonte. Londra: Henry G. Bohn, 1857. 71-147.

Si noti che la pagina 71 (a cui il pdf si apre automaticamente) è dove inizia l’INTRODUZIONE del TRADUTTORE.

Il testo di Senofonte inizia p. 73.

Voci di diario

Le posizioni esplorate nella rivendicazione di Antigone di Butler — nella lettura di Butler dell’Antigone di Sofocle — rappresentano una sfida in alcun modo ai modi di vedere il genere nell’Oeconomicus di Senofonte? Come, come no?

Sfondo

Senofonte vissuto ca. 430 a ca. 349 a. C. Era un gentiluomo ateniese e conservatore. Come Platone, apparteneva alla cerchia degli amici e dei compagni di conversazione di Socrate.

Senofonte condusse una vita movimentata. Accompagnò una forza di mercenari greci che combattevano per Ciro il Giovane, un pretendente al trono persiano. Quando ciò finì male, Senofonte fu fatto capo di ciò che rimaneva dei famosi 10.000, e li aiutò a riportarli nel mondo greco da quello che oggi è l’Iraq. (Senofonte avrebbe scritto su di esso nella sua Anabasi.)

Di conseguenza, Senofonte divenne qualcosa di un fan delle cose persiane. Ma sembra anche essere stato un grande amico del nemico di lunga data di Atene, Sparta. Nel 394, combatté per Sparta contro la sua città natale di Atene. Probabilmente come risultato, ha trascorso decenni in esilio, anche se potrebbe essere stato in grado di fare la sua pace con Atene verso la fine della sua vita, e potrebbe forse essere stato permesso di tornare ad un certo punto prima di morire.

Come Platone e molti altri, Senofonte compose dialoghi socratici (dialoghi con Socrate come oratore). Per alcuni aspetti, il Socrate di Senofonte assomiglia a quello di Platone. Ma il Socrate di Senofonte (a differenza di Platone) mostra in modo interessante un marcato interesse per le questioni pratiche. Al contrario, il Socrate di Platone molto spesso serve come portavoce di una metafisica, logica ed etica sorprendentemente originali e sofisticate.

Il presente lavoro in greco è intitolato Oikonomikos, abbreviazione di Oikonomikos logos, o “Discorso sulla gestione immobiliare.”Nell’Oeconomicus (versione latinizzata del titolo), sentiamo parlare di come un gentiluomo greco, un kalos te kagathos, dovrebbe gestire la sua famiglia, la moglie, le fattorie — praticamente tutto ciò che dovrebbe essere importante per un uomo della sua classe.

Struttura di base, tema, ecc.

Il lavoro inizia con Socrate che esorta Critobulo, una sorta di playboy ateniese, sebbene sposato (si noti che ha interpretato sia erastes che eromenos negli affari pederastici; cfr. Simposio di Senofonte), per imparare l’arte della gestione domestica, oikonomia, un’arte che, come le arti della guerra e dell’agricoltura, ogni gentiluomo dovrebbe conoscere. Una parte importante di ciò ha a che fare con il matrimonio e l’addestramento di una moglie come compagno di aiuto. È importante notare a questo punto che Socrate rimprovera delicatamente Critobulus per prestare più attenzione ai suoi piaceri che alle sue proprietà. (pp. 73 e segg.)

Socrate poi procede a raccontare una conversazione che ha avuto con un uomo compiuto e knowedlgeable nell’arte della gestione domestica, uno Ischomachus, evidentemente un uomo ampiamente ammirato come un kalos te kagathos. (pp. 96 e segg.)

Così sentiamo parlare dei principi di Ischomaco di educare una moglie ad essere una compagna adeguata(97 ss.), di Ischomachus ‘ occupazioni, in particolare il suo approccio alla corretta cura delle aziende agricole e colture, e delle sue idee sull’arte di governare, che egli evidentemente pratica in virtù di essere un maestro dei suoi schiavi e marito di sua moglie (pp. 145 ss.).

Il lavoro copre un sacco di terreno, ma contiene molto avere a che fare con i rapporti tra mariti e mogli. Vi suggerisco quindi di provare a leggere da vicino e anche un po ‘ tra le righe. Penso che troverai molto che convalida e sfida ciò che vediamo in un lavoro come Contro Neaera (vedi il prompt di inserimento del diario appena sotto).

Domande di studio

Scegli una delle seguenti opzioni. in alternativa, affrontare le proprie preoccupazioni. . . .

  • In materia di matrimonio, sesso e piacere, ecc., come Oeconomicus di Senophon sembra convalidare un lavoro come il Contro Neaera? Come potrebbe sembrare di offrire un diverso tipo di immagine del matrimonio?
  • Come potrebbe oggi Ischomaco essere censurato/lodato per il modo in cui tratta sua moglie? Come sono cambiate le cose? Sono rimasti in qualche modo gli stessi?

Generale

  1. Quali fatti raccogliamo sulla vita delle donne nella Grecia classica e, in particolare, sulla loro vita nell’Atene classica?
  2. Quali interpretazioni possiamo applicare a questi fatti?
  3. Nel loro insieme, come potrebbe questa lettura aiutarci a capire il modo in cui la vita della donna greca antica (classica ateniese) è stata concepita in relazione all’uomo greco antico?
  4. L’Oeconomicus di Senofonte sembra presentare una visione foucaultiana o anti-foucaultiana delle relazioni tra i sessi? Sacchetto misto? (Pensa alla simmetria, all’autocontrollo e così via.)

  • Come fanno gli uomini e le donne a sembrare uguali?
  • Come vengono fuori come non uguali?
  • Nel testo di Senofonte, perché questa preoccupazione per l’uguaglianza e/o la disuguaglianza di marito e moglie?
  • Perché l’enfasi posta sul tema del comando e della governance, sia in casa, negli affari di stato, o sul campo di battaglia?

Note

73. “Gestione domestica”, in greco oikonomia.

73. “… il nome di un’arte. . . .””L’arte” qui in greco è episteme, un ramo sistematizzato della conoscenza, una scienza.

74. “Casa”, in greco, oikos (casa, casa, famiglia, tenuta, famiglia).

75. “Mistress” traduce hetaira, una parola per “prostituta.”

76. Giuramenti “di Giove “o” di Giove ” sono giuramenti di Zeus greco. (Una volta era consuetudine tradurre gli dei greci in inglese con i loro nomi romani.

76. “effeminatezza della mente”, in greco malakia (morbidezza, effeminatezza).

76. “mistresses” traduce despoinai, “mistresses” nel senso di donne proprietarie di schiavi, proprietà, ecc. Diverso da sopra.

78-79. Socrate elenca i tipi di doveri pubblici a cui Critobulus’ ricchezza lo obbliga. Nell’Atene democratica, uomini ricchi erano tenuti a finanziare spese pubbliche come navi da guerra, spettacoli teatrali, ecc. Il termine tecnico è ” liturgia.”Un trierarch è uno tenuto a pagare per la costruzione di una nave da guerra, un “trireme.”Pensa alle liturgie come a una forma di imposta progressiva, anche se in senso stretto, un obbligo una tantum. (Si potrebbe citare in giudizio per dimostrare che un altro ateniese aveva più soldi di te, e quindi dovrebbe intraprendere la liturgia. In quel caso, si doveva essere disposti a scambiare proprietà con quella persona. Hanno chiamato quell’antidosi.)

79. “questioni di divertimento.”Il greco legge paidikois … pragmasi, ” affari pederastici.”Il traduttore bowdlerizes. Si noti che questi sono trattati come se finanziariamente ingombrante.

84. “… alcuni uomini hanno così gestito le loro mogli, da trovare in loro compagni di aiuto nel migliorare le loro fortune.””Compagni di aiuto” traduce sunergoi (compagni di lavoro). “Migliorare le loro fortune”: il greco ha sunauxein, ” per aiutare ad aumentare.”Il greco sottolinea, in altre parole, il matrimonio come una sorta di partnership commerciale.

85. “Ma ritengo che una moglie, che è un buon partner nella gestione della famiglia, abbia la stessa influenza di suo marito per la loro prosperità comune.””Partner” traduce koinonos, una condivisione in qualcosa con un altro. Può, ma non deve, suggerire la parità. Allora come ora, potrebbero esserci partner senior e junior.

85. “. . . quelle arti che sono chiamati artigianato sono discutibili, e sono davvero giustamente tenuto in poca reputazione. . . .””Artigianato” traduce bausanikai (tekhnai): calzolaio, fucina, il tipo di produzione pre-industriale fatto in un negozio. Ora tendiamo a pensare a questo come lavoro qualificato; gli antichi greci tendevano ad associarlo al lavoro interno, e quindi effeminato. In effetti, sarebbe vergognoso per un gentiluomo come Critobulus perseguire qualsiasi vocazione diversa dall’agricoltura o dalla guerra. La maggior parte dei cittadini maschi adulti ateniesi classici non erano ricchi, ma nemmeno erano artigiani (bausanikoi) o salariati. La maggior parte erano contadini medi.

86. allevamento. Cioè, l’agricoltura.

86. satrapo. Un governatore militare persiano di una provincia.

88. paradeisoi. I re persiani, seguendo l’esempio dei loro precursori mesopotamici, mantennero parchi di caccia riccamente nominati chiamati paradeisoi. L’inglese “paradise” deriva da quella parola.

94. “contadini.” Agricoltore.

95. “giusto e buono.”In greco, kalos te kagathos. Letteralmente, “bello / bello e buono”, può essere inteso per riferirsi a un uomo di qualità o un gentiluomo. Ancora una volta, il pregiudizio aristocratico di Senofonte.

96. “Giove Eleuterio”, in greco, Zeus eleutherios, Zeus come patrono della libertà.

96. “antidosis of trierarch”, una causa legale per cercare di passare il dovere di finanziare una nave da guerra a qualcun altro. (CF. sopra, pp. 78-79.)

105 ss. L’analogia del cargo fenicio ben ordinato. È piuttosto insolito per un autore greco presentare come simpatico un ritratto di barbari-nel caso di Senofonte, persiani e fenici (moderni iraniani e libanesi) — come fa Senofonte, sia qui che nella sua vita romanzata di Ciro il Grande (Ciropaideia).

109. “… appartamento per le femmine … quella degli uomini….”Gli alloggi delle donne in una casa greca erano chiamati gunaikonitis, gli alloggi degli uomini, gli androniti.

110. “governante.”In greco, tamia, una schiava incaricata di sorvegliare il corretto stoccaggio e l’uso delle risorse, sia materiali che umane.

111. “Senato.”Questa è una traduzione antiquata, quindi nomi romani di dio per quelli greci, e parole in stile romano come “senato” per tradurre la parola greca boule, che significa “consiglio”, il comitato direttivo che fissava l’ordine del giorno per le riunioni dell’assemblea.

112. “intimità personale l’uno con l’altro.”Tradotto letteralmente, il greco dice:” Non siamo stati dunque riuniti per condividere i nostri corpi gli uni con gli altri?”cioè, essere koinoinoi, “partecipi” l’uno del corpo dell’altro. Ischomachus sta parlando di sesso.

146. “Balì” traduce epitropos, uno schiavo (o forse schiavo liberato) incaricato di supervisionare tutto ciò che viene fatto in una fattoria. Un” caposquadra ” o epistate non sarà schiavo. Ma in entrambi i casi, abbiamo a che fare con qualcuno incaricato di sorvegliare gli operai sotto di lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.